• 18 le società AIM più trasparenti che hanno partecipato alla I  edizione dell’AIM Investor Day, con un fatturato in crescita del  52% nel 2013 e un EBITDA margin del 15%
  • 58 gli Investitori Istituzionali nel capitale delle 41 società AIM Italia (67% italiani e 33% esteri)
  • 94 le partecipazioni1  detenute per un investimento complessivo di 163 milioni di Euro (11% della capitalizzazione del segmento) e un investimento medio pari a 2,8 milioni di Euro
  • Il 56% delle partecipazioni focalizzato su società con capitalizzazione inferiore ai 60 milioni di Euro
  • Settore green il più rilevante in termini di market cap (34%)

 

 

Milano, 3 aprile 2014

IR Top, leader in Italia nella consulenza specialistica sulle Investor Relations e la Comunicazione Finanziaria, ha presentato i risultati dello studio “Gli Investitori Istituzionali nel mercato AIM Italia” in occasione dell’AIM Investor Day, evento ideato e organizzato da IR Top con l’obiettivo di offrire alla comunità finanziaria l’opportunità di confrontarsi con il Top Management delle imprese quotate sull’AIM Italia su equity story, strategie di crescita, e risultati economico-finanziari.

“Positivo l’interesse nel capitale delle società AIM Italia – commenta Anna Lambiase,  Amministratore Delegato di IR Top – degli investitori esteri che rappresentano un terzo delle  partecipazioni istituzionali in un mercato in forte espansione per numero di IPO. La liquidità nel  mercato migliora: nel primo bimestre del 2014 cresce la percentuale di giorni con scambi sul totale  dei giorni di negoziazione attestandosi al 71% (65% nel 2013), cresce la turnover velocity pari al  74% (36% nel 2013), diminuisce la volatilità attestandosi al 47% (64% nel 2013) e cresce il  controvalore medio giornaliero nei primi mesi del 2014. La presenza di oltre 150 investitori tra  family office, private banker e fondi di investimento e SGR durante l’AIM Investor Day dimostra

ancora una volta come la cultura della trasparenza e della comunicazione possa incrementare sia il  livello di interesse degli investitori verso Equity story innovative e di successo, sia la domanda di  titoli sui mercati azionari.”

Lo studio analizza tutte le partecipazioni degli Investitori Istituzionali all’interno del capitale delle  società quotate sul mercato AIM Italia a marzo 2014. Il numero complessivo degli investitori  istituzionali è pari a 58 (di cui 39 italiani e 19 esteri), per un valore complessivo  dell’investimento pari a 163 milioni di Euro (11% della capitalizzazione complessiva del  Mercato). Gli investitori italiani rappresentano il 67% del totale e detengono un investimento  complessivo pari 101 milioni di euro (62% dell’investimento totale).

Il numero complessivo di partecipazioni detenute è pari a 94. La distribuzione percentuale delle  partecipazioni per valore degli investimenti mostra che il 41% si colloca al di sotto di 1 milione di  euro, l’86% al di sotto dei 5 milioni di euro. 23 società del Mercato (pari al 56%) annoverano  almeno un investitore istituzionale nel capitale, mentre 18 società (pari al 44%) sono partecipate  da almeno due investitori istituzionali. Tra i principali investitori esteri emergono: Lemanik SA,  Pharus Management SA, FIL Investments International, Swiss & Global Asset Management AG, VG  SA, Intesa Sanpaolo Private Bank Suisse, AllianceBernstein LP, AXA Investment Managers, Credit  Suisse Asset Management, Janus Capital International, Julius Baer, Pairstech Capital Management  LLP. Tra le società con il maggior numero di investitori istituzionali emergono Italia Independent Group (16 partecipazioni) e GreenItaly1 SpA (7 partecipazioni).

Il numero delle società quotate sul mercato AIM Italia a marzo 2014 è pari a 41, con una raccolta complessiva pari a 322 milioni di euro, una raccolta media pari a 8 milioni di euro, un flottante che si attesta in media al 25%. La capitalizzazione di mercato totale ammonta a 1,6 miliardi di euro. Il 64% del mercato è costituito da società una capitalizzazione inferiore a 30 milioni di euro, mentre le società con una Market cap inferiore a 100 milioni di euro rappresentano il 91%.

Nella classifica in termini di capitalizzazione, il settore Green si colloca al primo posto con una market cap pari a 532 milioni di euro (34% sul totale), seguito dal settore Finanziario (21%), Media (11%), Ingegneria (9%) e ICT (7%).

Media Partner dell’evento sono stati: La mia Finanza, Finanzaoperativa ed Economia Web.

1 Lo studio si basa sull’analisi delle partecipazioni sopra e sotto la soglia di rilevanza del capitale (fonte Factset, Borsa Italiana e Corporate website)