Il “Secondo Forum di Investor Relations”, tenutosi a Pavia, Venerdì 1 Marzo 2002, ha rappresentato un’importante iniziativa di dibattito tra operatori della finanza e dell’ accademia su un tema ormai attualissimo come quello delle Investor Relations. Il Forum ha costituito un momento di incontro  tra operatori impegnati in una attività complessa e relativamente giovane per il nostro sistema, che necessita perciò di momenti di riflessione e di confronto al di fuori dal contesto della operatività quotidiana, per individuare, in collaborazione con l’Università, le tendenze in atto ed essere autori consapevoli del cambiamento.
“La rilevanza strategica della comunicazione economico-finanziaria ha inizio sin dal momento in cui l’azienda decide di intraprende il percorso di quotazione. Il valore dell’IR si costruisce attraverso un cammino che  accompagna l’azienda prima, durante e dopo la quotazione.

IL RUOLO DELLE IR PRIMA DELL’IPO:
“affiancare l’azienda nel percorso di costruzione dell’Equity Story”
La società, nel percorso di scelta dello sponsor come partner del processo di IPO, deve:

  • capire e ricostruire la storia imprenditoriale nell’ottica del mercato azionario
  • quantificare la strategia evolutiva in un piano economico-patrimoniale-finanziario pluriennale
  • individuare il panel di potenziali sponsor, definendo i criteri di scelta
  • aiutare il top management a costruire una nuova cultura interna

IL RUOLO DELLE IR DURANTE L’IPO:
“affiancare l’azienda nella definizione del valore”
La società, guidata dallo sponsor, intraprende il cammino di presentazione al mercato. Le IR devono:

  • collaborare nella definizione dei contenuti della documentazione da presentare alle autorità del mercato
  • definire i contenuti dei roadshow con la comunità finanziaria
  • organizzare incontri one-to-one con analisti e gestori

IL RUOLO DELLE IR DOPO L’IPO:
“assicurare la continuità di informativa societaria qualificata e professionale”
La società, insieme allo sponsor, gestisce I contatti con il mercato. Tra gli obiettivi:

  • mantenere ed ampliare la base di azionisti, stimolando la domanda
  • aumentare il coverage di ricerca da parte degli analisti finanziari
  • verificare le analisi finanziarie elaborate dagli analisti
  • incrementare la visibilità della società sul mercato domestico ed internazionale

Dove andranno le IR nel prossimo millennio?  Le IR, come professione e come filosofia su come comunicare con gli shareholders, sono in Italia ancora alle origini. Le linee evolutive riguarderanno sia la Professione, intesa come maggiore definizione dei contenuti e dei ruoli, sia l’utilizzo delle nuove tecnologie (strumenti e organizzazione dei contenuti d’informazione), sia la possibilità per l’azienda di essere affiancata da strutture specialistiche con provata esperienza del settore.
Un esempio per tutti: negli Stati Uniti, l’Investor Relations Office, l’ufficio delle relazioni con gli investitori,  e’ definito una delle arterie principali dell’impresa stessa. Oltre a stilare il messaggio finanziario per conto dell’impresa, deve avere una conoscenza intima dell’azienda, di finanza, delle sue strategie e del settore nel quale opera. L’IRO non e’ soltanto un messaggero, ma e’ coinvolto nel definire la strategia e la politica finanziaria con il management.
Da staff messanger a line manager, l’IR entra a far parte del Top management aziendale ed è coinvolto nelle scelte strategiche.
Non tutte le società americane hanno un solo IRM: molti uffici IR sono segmentati ed hanno persone di diversi livelli che si occupano di gruppi specifici di investitori. Ad esempio in AT&T e in Sony gli IRO prevedono la seguente strutturazione interna:
–    un marketing manager incaricato di gestire i rapporti con gli Investitori Individuali
–    un financial manager per gli Investitori Istituzionali (Sell side) –  analisti, traders, retail  brokers ed addetti alle vendite, ed anche per gli Investitori Istituzionali (Buy side) –   che sono i gestori di portafoglio.
–    il gruppo “Ex USA” si occupa di individuare chi sono e da dove vengono gli azionisti fuori dal continente con l’obiettivo di capire se una strategia ad hoc può avere valore. L’IR diventa un ufficio strutturato. E qui mi riferisco specialmente alla piccola media impresa, dove il ruolo dell’IR, se esiste, è spesso coincidente con il CFO, in altri casi ricoperto direttamente dall’AD.

La seconda linea evolutiva riguarderà gli strumenti di comunicazione: la qualità dell’informazione potrà migliorare molto quando il canale web non verrà considerato semplicemente come alternativa al canale cartaceo. La vera potenzialità di Internet consiste nella possibilità di riconfigurare la catena del valore dell’informazione offrendo contenuti a valore aggiunto pensati sulle esigenze dell’utente. Le potenzialità della rete si tradurranno in tecniche per incrementare l’interattività, in software per facilitare l’estrazione di dati preventivamente indicizzati e in strumenti di gestione personalizzata di pacchetti di informazione costruiti dall’investitore.
La diffusione di nuovi strumenti di comunicazione multimediale a costi accessibili consentirà un adeguato sfruttamento di tali potenzialità e faciliterà la creazione e la gestione di uno spazio aperto di dialogo con la comunità finanziaria.
In America, l’elevata qualità della comunicazione è strettamente legata all’utilizzo comune di efficaci strumenti multimediali interattivi che riducono sensibilmente il gap tra comunicazione diretta e indiretta delle società quotate. Sui siti web americani è possibile partecipare alla vita aziendale attraverso file audio-video di presentazione delle assemblee o analisi dei risultati aziendali da parte del management, web casting di road show e incontri con media e analisti, bilanci interattivi, analisi what if , con simulazione di dati storici e prospettici.
Terza potenzialità di sviluppo: l’outsourcing. Il supporto dello specialista di IR consente all’impresa, ancora prima dell’IPO di valorizzare il capitale economico attraverso una gestione integrata della informazione finanziaria: online, sfruttando le potenzialità della rete, offline valorizzando i contenuti e la cultura che ruota intorno al mercato economico finanziario

IR TOP.com è la prima società italiana specializzata sull’Investor Relations, nata dalla professionalità di specialisti che da anni si occupano di IR, di mercato azionario, di finanza strategica, di comunicazione, di Internet. Il modello di business si articola su due linee strategiche:

1.    Il portale, il cui principale obiettivo è stato quello di aggregare in modo organizzato, comparabile e facilmente fruibile l’informazione. Going Public, il modello che consente di gestire le IR su internet in modo completo e innovativo,  nasce da uno studio di oltre 4.000 siti di società quotate nel mondo, di IR e di Informazione economico finanziaria, oltre che dalla comprensione  delle esigenze degli Investitori Professionali.

2.    La rivista IR TOP: uno strumento innovativo, primo in Italia, espressione di un centro di cultura sull’IR. Docenti Esperti di comunicazione, Borsa Italiana, docenti universitari, specialisti di finanza, professionisti, imprenditori e associazioni che negli anni si sono occupati ai massimi livelli di “valore d’impresa”, approfondiscono le tematiche più attuali e innovative della professione Investor Relations. La rivista è dedicata alle tematiche legate al mercato azionario ed è utile per la comunità finanziaria, le imprese, i professionisti interessati al fenomeno borsa, mercati finanziari e valore d’impresa e, in generale, a società o enti che hanno obiettivi di quotazione – privatizzazione.
La struttura:
–    IR TOP Academy: sviluppo di tematiche legate al Mercato azionario studiate da Docenti universitari che negli anni si sono occupati, ai massimi livelli, di finanza, comunicazione e valore aziendale
–    IR TOP Professional: esperienze dirette e approfondimenti di professionisti del settore finanziario, di strategia d’impresa e di comunicazione
–    IR TOP Case: casi pratici di successo quali quotazioni di aziende italiane rivissute attraverso la voce diretta dell’imprenditore
–    Rubriche: interventi degli Organismi di Gestione e Controllo del Mercato azionario italiano

IR Top segna un passaggio significativo: dalla cultura del “Saper Fare” alla cultura del  “Far Sapere” indispensabile per potenziare e valorizzare il valore d’impresa.

Anna Lambiase
IR TOP S.r.l.
    CEO